Nuovo anno scolastico: le parole della Garante per l'infanzia e l'adolescenza

-
“In un momento così complesso la parola d’ordine è corresponsabilità. Sta prendendo avvio in questi giorni, anche in Sardegna, fra tante incertezze e dopo tanti affanni, il nuovo anno scolastico. Sappiamo bene essere un anno molto complesso che ci sta mettendo davanti tante sfide. I mesi passati ci hanno fatto maturare una maggiore consapevolezza del valore della scuola, proprio per l’impossibilità di viverla nel modo a cui eravamo abituati. Essa rappresenta certo un diritto ma anche un tesoro da custodire, da far crescere e migliorare con l'aiuto di tutti: alunni, genitori, docenti e istituzioni. La difficile situazione sanitaria che stiamo vivendo ha fatto emergere problemi profondi e strutturali della scuola italiana che devono essere risolti; non è più tempo di procrastinare su investimenti e riforme che mettano l’istruzione e la qualità dell’istruzione tra le priorità di questo Paese e della nostra Regione. 

Prendo atto con dispiacere e preoccupazione che sono ancora tante le incertezze in questo mese di settembre: sugli spazi e gli edifici scolastici, sui trasporti per i pendolari, sulla nomina dei docenti e degli insegnanti di sostegno. Non posso che appellarmi alle Istituzioni tutte, ciascuna per la propria parte, affinché, superando logiche di contrapposizione politica o territoriale e con grande senso di collaborazione, si adoperino per il veloce superamento di tali criticità. Sarebbe un segnale positivo di un Paese che si ritiene moderno e civile che da questo evento inaspettato possano sorgere scuole più sicure, più accoglienti verso chi affronta maggiori difficoltà e in grado di far fronte alle crisi presenti e future. 

Il diritto costituzionalmente garantito allo studio e quindi al completamento degli studi intrapresi, pur comparato con le nuove necessità di tutela dal virus, importa che da tutte le scuole di riferimento, così come da indicazioni del MIUR vengano fatti tutti gli sforzi possibili, affinché non venga interrotto il percorso formativo in atto. Proprio in ragione di ciò che stiamo vivendo voglio pertanto rivolgere a tutti un augurio ancor più forte di buon lavoro e di tanta solidarietà.

Alle bambine e ai bambini: che la scuola sia per loro, nonostante le nuove regole e la diversa organizzazione, occasione sempre gioiosa di apprendimento, di sperimentazione, di condivisione e di arricchimento.
 
Alle studentesse e agli studenti: che il nuovo anno sia un percorso di crescita del sapere, di maturazione della personalità e di spirito critico, di opportunità per nuove amicizie, ma anche l'occasione di assunzione di quella responsabilità individuale e collettiva che il momento richiede.  

Agli insegnanti: che possano ritrovare un rinnovato entusiasmo nell’accompagnare i loro alunni in questo particolare frangente, nell’affiancare le famiglie nel complesso compito di educare i figli ad essere cittadini responsabili e consapevoli. 

Ai genitori: che possano sempre vedere nella scuola e nelle istituzioni i loro principali alleati nella crescita e nell’educazione dei propri figli, con la consapevolezza che solo attraverso un patto di corresponsabilità, solo con la collaborazione e la fiducia reciproca si potranno superare le criticità e garantire il miglior benessere possibile ai bambini e ai ragazzi". 

Opinioni

Deiana, Anci: necessario seguire le indicazioni delle Autorità Locali.
"Le immagini che arrivano da Bitti sono particolarmente drammatiche e spaventose. Ci sono delle vittime: a loro va il nostro pensiero commosso e a tutta la comunità così colpita.  Al sindaco Giuseppe Ciccolini e alla sua amministrazione vanno garantiti i soccorsi adeguati in questa drammatica fase....

Ciusa M5S: cosa sta facendo la regione per un rientro a scuola in sicurezza?
“Il Governo, come dichiarato dal Presidente Conte, è già al lavoro per cercare di riaprire le scuole prima di Natale. Una notizia sicuramente positiva per tutti gli studenti e gli insegnanti che oggi stanno portando avanti i programmi attraverso la didattica a distanza”. “Ma il governo regionale della Sardegna, nel frattempo, quali azioni ha ...

La CGIL scrive al presidente Solinas e alla Giunta
La situazione di emergenza sociale e sanitaria della nostra regione è ormai arrivata a un livello di gravità tale da imporre un cambio immediato di atteggiamento da parte della Presidenza e dell’intera Giunta sulle misure e le politiche da mettere in campo per fronteggiarla e per far ripartire l’intero sistema regionale. La Cgil non può...

Peru, UDC Cambiamo: lasciare chiusi centri commerciali la domenica e i festivi
“Chiudiamo la grande distribuzione, supermercati compresi, la domenica e nei giorni festivi, almeno fino alla fine dell’emergenza sanitaria. È una proposta che servirebbe non solo a contenere e a limitare il numero di contagi ma anche ad aiutare gli esercizi commerciali dei centri urbani, oltre che venire incontro alle esigenze dei lavoratori...

L'aperitivo con Manuel: I divieti anti Covid in Sardegna
Con il recente decreto che ha suddiviso le regioni italiane in gialle, arancioni e rosse, sono stati introdotti numerosi divieti per limitare la diffusione della pandemia. Eccone alcuni con le norme specifiche adottate in Sardegna.  Sono vietati gli spostamenti tra comuni, a meno che non siano motivati dall...

Torino: Noi Sardi de su Disterru ai tempi del Covid
E' una lettera accorata, sentita e ricca di azione quella che Enzo Cugusi, presidente dell'associazione dei Sardi di Torino invia al tutti i presidenti dei circoli e associazioni di sardi nel mondo.  Un appello a raccontare la lontananza dalla loro terra, un appello che noi di Corriere Sardo sposiamo e pubblichiamo con affetto, per trasme...

L'aperitivo con Manuel: la Sardegna nel patrimonio UNESCO
A ottobre scorso è stata avviata la procedura per proporre all'UNESCO l'iscrizione della Sardegna nel patrimonio culturale dell'umanità. L'aspetto più rilevante a supporto della richiesta è costituito dai circa ottomila nuraghi ...

Caso discoteche: i Sardi non sono untori
Giorni neri quelli di quest’ultima settimana per la Sardegna e per i sardi. In piena crisi sanitaria, con gli ospedali che sono quasi al collasso per l’emergenza covid, il popolo sardo si trova a fare i conti, per la seconda volta con l’appellativo di “untori”.  Il tutto nasce da un’inchiesta fatta dal programma andato in...

L'aperitivo con Manuel: neologismi dalla Sardegna
Nei giorni scorsi ho molto apprezzato l'iniziativa #ciboperlamente dedicata alle curiose etimologie di alcune parole e neologismi che vengono consegnate a casa su cartoline illustrate. Vorrei dare un piccolo contributo ...