L'aperitivo con Manuel: le sette virtù capitali in Sardegna # 2

-
Dopo superbia, invidia, gola e avarizia ecco le altre virtù capitali plasmate dalla vita in Sardegna. 

Avarizia 
L'attaccamento eccessivo a ciò che si possiede non è molto diffuso in Sardegna. L'attuale situazione è riconducibile alla massiccia campagna di deavarizzazione intrapresa dal governo regionale a partire dagli anni ‘80. Questa importante attività educativa ha coinvolto tutte le scuole e si è basata su una sola semplice azione: eliminare prima dalla lingua parlata e poi dal vocabolario il termine “poco” e tutti i suoi sinonimi, in particolare scarso, esiguo, modico, piccola quantità. L'iniziativa ha avuto un grande successo tra gli abitanti dell'isola, tuttavia ha avuto un effetto collaterale che ha coinvolto i viaggiatori provenienti da tutto il mondo: l'assenza di limiti ha trasformato ogni pasto in agriturismo in una vera e propria sfida con il cibo finalizzata a resistere fino all'ultima portata. Questo ambito traguardo è universalmente identificato con il sospiro, il dolcetto sferico di pasta di mandorle confezionato come una caramella. Deve essere gustato alla fine della maratona gastronomica ma solo dopo un'adeguata dose di digestivo. 

Lussuria 
Il desiderio irrefrenabile dei piaceri della carne è molto diffuso in tutta la Sardegna e porta all'incapacità di controllare le proprie passioni. Secondo una recente statistica le categorie preferite sono maiale, pecora e cavallo. Questa virtù è celebrata nel corso dei numerosi eventi che si svolgono durante l'anno in ogni angolo dell'isola. Ma c’è un luogo dove la celebrazione assume un significato speciale, grazie alla combinazione tra una festa unica al mondo e il nome emblematico del luogo in cui si svolge. Ovviamente parliamo di Sa carrela ‘e nanti che anima il paese di Santu Lussurgiu nel periodo di carnevale. Si tratta di una sfida tra i migliori cavalieri che si esibiscono in spettacolari acrobazie equestri negli stretti vicoli del borgo. Ma è straordinaria anche la coreografia di questo evento: una poderosa concentrazione di arrostitori che ha la missione di soddisfare la lussuria carnivora degli avventori con due semplici azioni. La prima consiste nel diffondere il profumo ammaliante della griglia, allo scopo di generare nel pubblico una rilevante salivazione che alimenta l'appetito. Con la seconda, questo gruppo di benefattori della brace rende disponibile il succoso alimento in decine di versioni in grado di soddisfare i palati più esigenti e gli stomaci più capienti. 

Ira
Il forte desiderio di vendetta per un torto subito può essere generato da molte situazioni come ad esempio un furto o un incidente causato dall'uso del telefonino alla guida. In Sardegna l'ira si manifesta con diverse modalità ma certamente non tirando testate a una saracinesca come narrato da un documentario farlocco che gira in rete. I numerosi incendi dolosi che hanno colpito l'isola nei mesi estivi sono stati per me un sostanzioso generatore di ira. In particolare quando si è scoperto che uno di questi è stato appiccato da un dipendente dell'istituzione demandata alla tutela del patrimonio boschivo. Poi ho letto che il dipendente sarà licenziato, così il livello di ira è calato un po'. Spero non dovrà esplodere nuovamente in seguito a un ricorso contro il licenziamento. C'è poi una fattispecie molto particolare che si verifica durante le feste di matrimonio quando il gestore del locale stacca la corrente all’apice del karaoke autogestito dagli invitati ubriachi. In questo caso si parla di ira bilaterale.

Opinioni

Deiana, Anci: necessario seguire le indicazioni delle Autorità Locali.
"Le immagini che arrivano da Bitti sono particolarmente drammatiche e spaventose. Ci sono delle vittime: a loro va il nostro pensiero commosso e a tutta la comunità così colpita.  Al sindaco Giuseppe Ciccolini e alla sua amministrazione vanno garantiti i soccorsi adeguati in questa drammatica fase....

Ciusa M5S: cosa sta facendo la regione per un rientro a scuola in sicurezza?
“Il Governo, come dichiarato dal Presidente Conte, è già al lavoro per cercare di riaprire le scuole prima di Natale. Una notizia sicuramente positiva per tutti gli studenti e gli insegnanti che oggi stanno portando avanti i programmi attraverso la didattica a distanza”. “Ma il governo regionale della Sardegna, nel frattempo, quali azioni ha ...

La CGIL scrive al presidente Solinas e alla Giunta
La situazione di emergenza sociale e sanitaria della nostra regione è ormai arrivata a un livello di gravità tale da imporre un cambio immediato di atteggiamento da parte della Presidenza e dell’intera Giunta sulle misure e le politiche da mettere in campo per fronteggiarla e per far ripartire l’intero sistema regionale. La Cgil non può...

Peru, UDC Cambiamo: lasciare chiusi centri commerciali la domenica e i festivi
“Chiudiamo la grande distribuzione, supermercati compresi, la domenica e nei giorni festivi, almeno fino alla fine dell’emergenza sanitaria. È una proposta che servirebbe non solo a contenere e a limitare il numero di contagi ma anche ad aiutare gli esercizi commerciali dei centri urbani, oltre che venire incontro alle esigenze dei lavoratori...

L'aperitivo con Manuel: I divieti anti Covid in Sardegna
Con il recente decreto che ha suddiviso le regioni italiane in gialle, arancioni e rosse, sono stati introdotti numerosi divieti per limitare la diffusione della pandemia. Eccone alcuni con le norme specifiche adottate in Sardegna.  Sono vietati gli spostamenti tra comuni, a meno che non siano motivati dall...

Torino: Noi Sardi de su Disterru ai tempi del Covid
E' una lettera accorata, sentita e ricca di azione quella che Enzo Cugusi, presidente dell'associazione dei Sardi di Torino invia al tutti i presidenti dei circoli e associazioni di sardi nel mondo.  Un appello a raccontare la lontananza dalla loro terra, un appello che noi di Corriere Sardo sposiamo e pubblichiamo con affetto, per trasme...

L'aperitivo con Manuel: la Sardegna nel patrimonio UNESCO
A ottobre scorso è stata avviata la procedura per proporre all'UNESCO l'iscrizione della Sardegna nel patrimonio culturale dell'umanità. L'aspetto più rilevante a supporto della richiesta è costituito dai circa ottomila nuraghi ...

Caso discoteche: i Sardi non sono untori
Giorni neri quelli di quest’ultima settimana per la Sardegna e per i sardi. In piena crisi sanitaria, con gli ospedali che sono quasi al collasso per l’emergenza covid, il popolo sardo si trova a fare i conti, per la seconda volta con l’appellativo di “untori”.  Il tutto nasce da un’inchiesta fatta dal programma andato in...

L'aperitivo con Manuel: neologismi dalla Sardegna
Nei giorni scorsi ho molto apprezzato l'iniziativa #ciboperlamente dedicata alle curiose etimologie di alcune parole e neologismi che vengono consegnate a casa su cartoline illustrate. Vorrei dare un piccolo contributo ...

L'aperitivo con Manuel: Le conseguenze della chiusura dei bar in Sardegna
In aggiunta al ritorno dell’ora solare, anche le recenti limitazioni introdotte dal governo hanno generato sostanziali modifiche nel bioritmo dei frequentatori dei bar in Sardegna. Il decreto che anticipa la chiusura dei bar alle 18 ha di fatto inibito la movida, cioè la nobile arte spagnola del divertimento che prevede un costante movimento tra...