Oristano: il messaggio del sindaco Lutzu a studenti e famiglie

-
Anche a Oristano per gli studenti è arrivato il momento di varcare nuovamente il cancello delle scuole e rientrare in classe. La comunità scolastica oristanese riprende il suo cammino dopo una lunghissima interruzione dovuta all’emergenza sanitaria da Coronavirus. Il sindaco Andrea Lutzu invia un messaggio di auguri a studenti e famiglie. 

"Gli studenti ritornano nelle aule dopo 6 mesi di stop delle attività in presenza e in questo anno così particolare vogliamo fare un grande applauso ai bambini e alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze che tornano tra i banchi. In questi mesi avete sopportato la mancanza della scuola che conoscevate. Vi siete adattati con grande responsabilità alla situazione che si è venuta a creare. A voi, alle famiglie e al personale scolastico facciamo gli auguri di buon anno, perché questo possa essere davvero un nuovo inizio. Siamo certi che sarà emozionante potersi rivedere dal vivo in classe. Lo è stato per le scuole d’infanzia comunali che hanno aperto da qualche giorno. 

Certo, ci sarà da mantenere la distanza di sicurezza di un metro, ma comunque a scuola si starà sempre più vicini di quanto non si sia potuto fare nelle settimane passate. Tutti dobbiamo imparare a vivere in piena libertà in comunità con grande senso di responsabilità verso il prossimo, a iniziare dalla persona a noi più vicina, a scuola, nei luoghi dove si trascorre il proprio tempo libero, con gli amici o in famiglia. La sicurezza deve diventare il nostro obiettivo principale, in ogni momento. Non avrebbe senso avere scuole sicure e dimenticarci le regole del distanziamento, delle mascherine e dell’igienizzazione delle mani, appena varcata la soglia della scuola. È importante che le regole vengano osservate sempre: quando si esce di casa, all’ingresso e all’uscita da scuola, alla fermata dello scuolabus, in ogni luogo. 

Oggi più che mai la salute di ognuno dipende dai comportamenti singoli e collettivi che sapremo mettere in campo. È un impegno personale, che per essere efficace ha bisogno della certezza che tutti stiamo andando nella stessa direzione. Il virus non è ancora sconfitto, lo sarà solo quando arriverà il vaccino. Per questo confidiamo che voi giovani, grazie all’esperienza maturata nei mesi passati, sostenuti dai vostri insegnanti e da tutto il personale della scuola, sappiate dare nuovamente l’esempio agli adulti che spesso si distraggono. Come amministrazione comunale, insieme al personale scolastico, abbiamo lavorato molto nelle scorse settimane per garantire scuole sicure. L’investimento di risorse e lavoro è stato consistente e oggi le scuole partono nel rispetto delle misure di contenimento del coronavirus. Ma il nostro lavoro non termina qui, saremo al fianco della comunità scolastica e voi potete contare su di noi. Insieme affronteremo il nuovo percorso con senso di responsabilità e fiducia nel futuro. A tutti un augurio di buon anno scolastico"

Opinioni

Deiana, Anci: necessario seguire le indicazioni delle Autorità Locali.
"Le immagini che arrivano da Bitti sono particolarmente drammatiche e spaventose. Ci sono delle vittime: a loro va il nostro pensiero commosso e a tutta la comunità così colpita.  Al sindaco Giuseppe Ciccolini e alla sua amministrazione vanno garantiti i soccorsi adeguati in questa drammatica fase....

Ciusa M5S: cosa sta facendo la regione per un rientro a scuola in sicurezza?
“Il Governo, come dichiarato dal Presidente Conte, è già al lavoro per cercare di riaprire le scuole prima di Natale. Una notizia sicuramente positiva per tutti gli studenti e gli insegnanti che oggi stanno portando avanti i programmi attraverso la didattica a distanza”. “Ma il governo regionale della Sardegna, nel frattempo, quali azioni ha ...

La CGIL scrive al presidente Solinas e alla Giunta
La situazione di emergenza sociale e sanitaria della nostra regione è ormai arrivata a un livello di gravità tale da imporre un cambio immediato di atteggiamento da parte della Presidenza e dell’intera Giunta sulle misure e le politiche da mettere in campo per fronteggiarla e per far ripartire l’intero sistema regionale. La Cgil non può...

Peru, UDC Cambiamo: lasciare chiusi centri commerciali la domenica e i festivi
“Chiudiamo la grande distribuzione, supermercati compresi, la domenica e nei giorni festivi, almeno fino alla fine dell’emergenza sanitaria. È una proposta che servirebbe non solo a contenere e a limitare il numero di contagi ma anche ad aiutare gli esercizi commerciali dei centri urbani, oltre che venire incontro alle esigenze dei lavoratori...

L'aperitivo con Manuel: I divieti anti Covid in Sardegna
Con il recente decreto che ha suddiviso le regioni italiane in gialle, arancioni e rosse, sono stati introdotti numerosi divieti per limitare la diffusione della pandemia. Eccone alcuni con le norme specifiche adottate in Sardegna.  Sono vietati gli spostamenti tra comuni, a meno che non siano motivati dall...

Torino: Noi Sardi de su Disterru ai tempi del Covid
E' una lettera accorata, sentita e ricca di azione quella che Enzo Cugusi, presidente dell'associazione dei Sardi di Torino invia al tutti i presidenti dei circoli e associazioni di sardi nel mondo.  Un appello a raccontare la lontananza dalla loro terra, un appello che noi di Corriere Sardo sposiamo e pubblichiamo con affetto, per trasme...

L'aperitivo con Manuel: la Sardegna nel patrimonio UNESCO
A ottobre scorso è stata avviata la procedura per proporre all'UNESCO l'iscrizione della Sardegna nel patrimonio culturale dell'umanità. L'aspetto più rilevante a supporto della richiesta è costituito dai circa ottomila nuraghi ...

Caso discoteche: i Sardi non sono untori
Giorni neri quelli di quest’ultima settimana per la Sardegna e per i sardi. In piena crisi sanitaria, con gli ospedali che sono quasi al collasso per l’emergenza covid, il popolo sardo si trova a fare i conti, per la seconda volta con l’appellativo di “untori”.  Il tutto nasce da un’inchiesta fatta dal programma andato in...

L'aperitivo con Manuel: neologismi dalla Sardegna
Nei giorni scorsi ho molto apprezzato l'iniziativa #ciboperlamente dedicata alle curiose etimologie di alcune parole e neologismi che vengono consegnate a casa su cartoline illustrate. Vorrei dare un piccolo contributo ...