Alghero e gli "importanti provvedimenti". L'opinione dell'Ammiraglio Guillot

-
Ci scrive l’Ammiraglio Vittorio Guillot che fa una disamina, a tratti sarcastica, dei magri risultati raggiunti dall’amministrazione comunale di Alghero sino a questo momento, indicando quelli che dovrebbero essere i veri traguardi che la città attende ormai da troppi anni. Guillot, il cui curriculum sarebbe troppo lungo per essere riportato, è un noto opinionista e nella sua lunga carriera è stato Comandante del Porto di Alghero.

Leggo con piacere che la nostra amministrazione comunale ha varato degli importanti provvedimenti per la cura e la microchippatura dei cani randagi e per la assistenza dei gattari. E' stata anche proposta l’ideona di pitturare i moli portuali con mirabolanti ’murales’. Grazie alla collaborazione tra maggioranza ed opposizione, a livello regionale è stato anche ottenuto un eccellente risultato per l’insegnamento dell’algherese nelle scuole. Ora occorre solo, per il buon andamento delle cose cittadine, che maggioranza ed opposizione collaborino anche per la soluzione di altri problemi. Penso ad una efficiente funzionalità dell’aeroporto che aumenti i traffici verso Alghero, alla realizzazione della ormai famosa ‘circonvallazione’ e della ‘quattro corsie’, alla operatività della banchina posta a ridosso del molo di sopraflutto, alla creazione di un consorzio tra comune e privati che gestisca decentemente il nostro porto turistico, alla attuazione del P.U.C., alla decorosa e definitiva sistemazione della casa di riposo di via della Resistenza, alla eliminazione dei problemi di inquinamento dello stagno del Calich, alla effettuazione delle opere per la raccolta e lo smaltimento delle acque piovane che evitino i sistematici allagamenti di troppe zone della città, al funzionamento dell’ospedale di primo livello, all’ utilizzazione razionale e produttiva delle aziende agricole di Mamuntanas e Sorigheddu, alla riparazione dell’ala del cimitero cadente fin da quando fu costruita, circa venti anni fa.

Qualcuno dirà che nell’elencare questi problemi sono noiosamente ripetitivo. E’ vero, come è vero ciò che disse un mio amico che vive lontano: 'Alghero è come un presepio, abitato da immobili statuine di gesso! Infatti le situazioni, i problemi ed i personaggi sono sempre gli stessi. Appunto, come le statuine del presepe. Al massimo, di tanto in tanto, se ne sostituisce qualcuna rotta e qualche altra viene spostata per creare l’illusoria impressione di un inesistente cambiamento. I problemi, però, sono sempre li. E sono sempre gli stessi, saldamente ingessati ed irrisolti'. Beninteso, quando parlo di ‘collaborazione’ tra maggioranza ed opposizione non mi riferisco a strani ‘inciuci’ od a compromessi tra interessi privati o di partito, magari mascherati da affettuosi ‘volemose bene’. Per me la collaborazione consiste soprattutto nel presentare e confrontare proposte e progetti alternativi, tra quelli della maggioranza e quelli dell’opposizione, formulati tenendo conto delle finalità da raggiungere, delle norme in vigore e delle prospettive di sviluppo. Proposte e progetti che tengano conto anche delle azioni da adottare, dei costi, dei finanziamenti possibili e dei tempi di attuazione. Non pretendo certo che ogni singolo consigliere comunale abbia i piani per risolvere tutti i problemi cittadini. Ciascuno dei partiti che si presentano all’elettorato, però, deve avere quei piani. In caso contrario non capisco perché si proponga per il governo della città. Certo è che la gente di Alghero vuole dai ‘politici’ di tutte le tendenze fatti concreti e la soluzione dei problemi reali. Questa stessa gente non sa più che farsene delle promesse generiche e degli slogans ad effetto. Piuttosto vuole anche essere informata con tempestività e precisione su ciò che fa chi sta al Comune. Dico che ha il sacrosanto diritto di essere informata, dato che ha votato chi sta in Comune e li paga con le sue tasse! Se mancasse tutto questo, i nostri amministratori favorirebbero lo sfascio generale e l’allontanamento delle istituzioni dai cittadini.

Personalmente non credo che sia un male il rigetto di questo nostro sistema politico, solo formalmente democratico ma, di fatto, tenuto in pugno dai ‘ padrini’ che dominano i partiti. Il pericolo è che si finisca nelle mani di chi predica una improbabile democrazia…. diretta da chi controlla qualche piattaforma informatica. C’è anche il concreto pericolo che possa maggiormente diffondersi la ‘antipolitica’, intesa come un rinchiudersi in se stessi, disinteressandosi della collettività. Questa sarebbe la morte del senso di appartenenza alla comunità e, quindi, della più autentica democrazia. In un simile clima è anche facile che i politici, nel loro insieme, siano considerati nient’altro che una combriccola di incapaci che approfittano della loro posizione privilegiata per campare alle spalle degli altri. La responsabilità di un simile degrado, ovviamente, può ricadere solo sugli stessi politici. Anche se hanno stipulato un ottimo appalto per la cura e la microchippatura dei cani randagi e la assistenza dei gattari, se hanno proposto l’ideona di pitturare i moli portuali con mirabolanti ’murales’ o se hanno persino ottenuto un meritorio risultato ‘bipartisan’ per l’insegnamento dell’algherese.

Opinioni

Deiana, Anci: necessario seguire le indicazioni delle Autorità Locali.
"Le immagini che arrivano da Bitti sono particolarmente drammatiche e spaventose. Ci sono delle vittime: a loro va il nostro pensiero commosso e a tutta la comunità così colpita.  Al sindaco Giuseppe Ciccolini e alla sua amministrazione vanno garantiti i soccorsi adeguati in questa drammatica fase....

Ciusa M5S: cosa sta facendo la regione per un rientro a scuola in sicurezza?
“Il Governo, come dichiarato dal Presidente Conte, è già al lavoro per cercare di riaprire le scuole prima di Natale. Una notizia sicuramente positiva per tutti gli studenti e gli insegnanti che oggi stanno portando avanti i programmi attraverso la didattica a distanza”. “Ma il governo regionale della Sardegna, nel frattempo, quali azioni ha ...

La CGIL scrive al presidente Solinas e alla Giunta
La situazione di emergenza sociale e sanitaria della nostra regione è ormai arrivata a un livello di gravità tale da imporre un cambio immediato di atteggiamento da parte della Presidenza e dell’intera Giunta sulle misure e le politiche da mettere in campo per fronteggiarla e per far ripartire l’intero sistema regionale. La Cgil non può...

Peru, UDC Cambiamo: lasciare chiusi centri commerciali la domenica e i festivi
“Chiudiamo la grande distribuzione, supermercati compresi, la domenica e nei giorni festivi, almeno fino alla fine dell’emergenza sanitaria. È una proposta che servirebbe non solo a contenere e a limitare il numero di contagi ma anche ad aiutare gli esercizi commerciali dei centri urbani, oltre che venire incontro alle esigenze dei lavoratori...

L'aperitivo con Manuel: I divieti anti Covid in Sardegna
Con il recente decreto che ha suddiviso le regioni italiane in gialle, arancioni e rosse, sono stati introdotti numerosi divieti per limitare la diffusione della pandemia. Eccone alcuni con le norme specifiche adottate in Sardegna.  Sono vietati gli spostamenti tra comuni, a meno che non siano motivati dall...

Torino: Noi Sardi de su Disterru ai tempi del Covid
E' una lettera accorata, sentita e ricca di azione quella che Enzo Cugusi, presidente dell'associazione dei Sardi di Torino invia al tutti i presidenti dei circoli e associazioni di sardi nel mondo.  Un appello a raccontare la lontananza dalla loro terra, un appello che noi di Corriere Sardo sposiamo e pubblichiamo con affetto, per trasme...

L'aperitivo con Manuel: la Sardegna nel patrimonio UNESCO
A ottobre scorso è stata avviata la procedura per proporre all'UNESCO l'iscrizione della Sardegna nel patrimonio culturale dell'umanità. L'aspetto più rilevante a supporto della richiesta è costituito dai circa ottomila nuraghi ...

Caso discoteche: i Sardi non sono untori
Giorni neri quelli di quest’ultima settimana per la Sardegna e per i sardi. In piena crisi sanitaria, con gli ospedali che sono quasi al collasso per l’emergenza covid, il popolo sardo si trova a fare i conti, per la seconda volta con l’appellativo di “untori”.  Il tutto nasce da un’inchiesta fatta dal programma andato in...

L'aperitivo con Manuel: neologismi dalla Sardegna
Nei giorni scorsi ho molto apprezzato l'iniziativa #ciboperlamente dedicata alle curiose etimologie di alcune parole e neologismi che vengono consegnate a casa su cartoline illustrate. Vorrei dare un piccolo contributo ...