Pinna consigliera PD: che fine ha fatto il diritto alla Salute?

-
"Quale diritto alla salute è garantito alle cittadine e ai cittadini sardi in tempi di Covid-19? Che fine ha fatto il "diritto di accesso alle indagini diagnostiche di laboratorio, strumentali e di specialistica convenzionata in particolare degli esenti ticket? Dove sono finiti i Livelli Essenziali di Assistenza per l'accesso universalistico alle cure? Dove è, se c'è, il finanziamento di venti milioni di euro, sbandierato nei comunicati stampa dall'assessore, per lo smaltimento delle liste d’attesa, cresciute a dismisura in seguito alla sospensione delle attività ordinarie delle strutture pubbliche per l’emergenza Covid-19?Quali i provvedimenti previsti per consentire alle stesse strutture di smaltire le visite già prenotate e rinviate sine die durante l'estate?"

Questi gli argomenti al centro dell'interrogazione, prima firmataria Rossella Pinna e sottoscritta dall'intero gruppo democratico in consiglio regionale, rivolta al presidente Solinas e all'assessore alla sanità, alla luce delle recenti denunce da parte delle associazioni dei pazienti, del Tribunale del malato e dall'annuncio dato dalle associazioni della sanità privata convenzionata, della sospensione, fin da settembre, delle prestazioni esenti ticket per l'esaurimento del budget a disposizione per il 2020. 

"In un autunno che si preannuncia critico per la ripresa dei contagi di una pandemia che ha messo a ad altissimo rischio la salute dei sardi - afferma la consigliera Dem- "chiediamo che non si perda ulteriore tempo in vacui proclami e si provveda a finanziare quanto necessario a garantire le prestazioni sanitarie ai soggetti bisognosi di maggior tutela, per recuperare la domanda assistenziale non soddisfatta durante l’emergenza pandemica, per abbattere le liste d’attesa e rispondere in maniera efficace alle legittime aspettative degli utenti, garantendo così il diritto alla salute e alla continuità di cura dei sardi, che venga messa la parola fine alle disparità di accesso alle cure tra chi può rivolgersi al privato e chi è costretto ad attendere, se non anche a rinunciare a curarsi, con gravi ripercussioni sul livello di salute delle persone, delle comunità e sulle diseguaglianze sociali".

Opinioni

Deiana, Anci: necessario seguire le indicazioni delle Autorità Locali.
"Le immagini che arrivano da Bitti sono particolarmente drammatiche e spaventose. Ci sono delle vittime: a loro va il nostro pensiero commosso e a tutta la comunità così colpita.  Al sindaco Giuseppe Ciccolini e alla sua amministrazione vanno garantiti i soccorsi adeguati in questa drammatica fase....

Ciusa M5S: cosa sta facendo la regione per un rientro a scuola in sicurezza?
“Il Governo, come dichiarato dal Presidente Conte, è già al lavoro per cercare di riaprire le scuole prima di Natale. Una notizia sicuramente positiva per tutti gli studenti e gli insegnanti che oggi stanno portando avanti i programmi attraverso la didattica a distanza”. “Ma il governo regionale della Sardegna, nel frattempo, quali azioni ha ...

La CGIL scrive al presidente Solinas e alla Giunta
La situazione di emergenza sociale e sanitaria della nostra regione è ormai arrivata a un livello di gravità tale da imporre un cambio immediato di atteggiamento da parte della Presidenza e dell’intera Giunta sulle misure e le politiche da mettere in campo per fronteggiarla e per far ripartire l’intero sistema regionale. La Cgil non può...

Peru, UDC Cambiamo: lasciare chiusi centri commerciali la domenica e i festivi
“Chiudiamo la grande distribuzione, supermercati compresi, la domenica e nei giorni festivi, almeno fino alla fine dell’emergenza sanitaria. È una proposta che servirebbe non solo a contenere e a limitare il numero di contagi ma anche ad aiutare gli esercizi commerciali dei centri urbani, oltre che venire incontro alle esigenze dei lavoratori...

L'aperitivo con Manuel: I divieti anti Covid in Sardegna
Con il recente decreto che ha suddiviso le regioni italiane in gialle, arancioni e rosse, sono stati introdotti numerosi divieti per limitare la diffusione della pandemia. Eccone alcuni con le norme specifiche adottate in Sardegna.  Sono vietati gli spostamenti tra comuni, a meno che non siano motivati dall...

Torino: Noi Sardi de su Disterru ai tempi del Covid
E' una lettera accorata, sentita e ricca di azione quella che Enzo Cugusi, presidente dell'associazione dei Sardi di Torino invia al tutti i presidenti dei circoli e associazioni di sardi nel mondo.  Un appello a raccontare la lontananza dalla loro terra, un appello che noi di Corriere Sardo sposiamo e pubblichiamo con affetto, per trasme...

L'aperitivo con Manuel: la Sardegna nel patrimonio UNESCO
A ottobre scorso è stata avviata la procedura per proporre all'UNESCO l'iscrizione della Sardegna nel patrimonio culturale dell'umanità. L'aspetto più rilevante a supporto della richiesta è costituito dai circa ottomila nuraghi ...

Caso discoteche: i Sardi non sono untori
Giorni neri quelli di quest’ultima settimana per la Sardegna e per i sardi. In piena crisi sanitaria, con gli ospedali che sono quasi al collasso per l’emergenza covid, il popolo sardo si trova a fare i conti, per la seconda volta con l’appellativo di “untori”.  Il tutto nasce da un’inchiesta fatta dal programma andato in...

L'aperitivo con Manuel: neologismi dalla Sardegna
Nei giorni scorsi ho molto apprezzato l'iniziativa #ciboperlamente dedicata alle curiose etimologie di alcune parole e neologismi che vengono consegnate a casa su cartoline illustrate. Vorrei dare un piccolo contributo ...