Meilogu: da Borutta a Bonnanaro la storia delle comunità fatta dai sindaci

-
Qualunque sia lo schieramento politico di un sindaco è fuor di dubbio che la storia della comunità passa attraverso le sue scelte. Illuminato, tradizionalista, coraggioso o meno i sindaci 2020 hanno affrontato una pandemia e per trovare analogie nella storia bisogna tornare indietro al medioevo. Ecco perché scegliamo di pubblicare la lettera che il sindaco Silvano Arru, presidente dell'Unione dei comuni del Meilogu, lascia al primo cittadino di Bonnanaro che questa settimana conclude il suo mandato. Fare il sindaco oggi significa stare in prima linea e noi vogliamo raccontare la storia di questi primi cittadini e prime cittadine che fanno comunità. 

"Oggi è stata l’ultima partecipazione all’assemblea dei sindaci del Meilogu di Tonino Marras, sindaco di Bonnanaro, che aveva detto sin dal primo giorno del suo mandato che  non si sarebbe ricandidato.
Il congedo di  un sindaco è sempre un po’ triste, perché ogni sindaco è uno straordinario patrimonio di esperienze, di storie, di cultura, di aneddotica  e, credo, di amicizia.
La fine del mandato di Tonino è per me motivo di grande malinconia, i brasiliani direbbero di “saudade”, sia perché, in fondo, è stato “ il saggio” dell’assemblea della nostra Unione dei Comuni, sia perché,  essendo i nostri comuni confinanti, abbiamo, quasi in modo naturale, collaborato, spesso anche con grandi risultati.
Certo, senza voler  fare alcuna inopportuna valutazione del suo mandato da sindaco, bisogna dare atto che le opere finanziate e  subito “cantierabili”  che Tonino lascia sono davvero tante e importanti.
Dal punto di vista personale, devo dire che la grande eredità che Tonino consegna al Meilogu è  la sua visione dei problemi e il relativo  approccio metodologico: il  punto di partenza è che  bisogna sempre guardare oltre il proprio giardino,  al di fuori dagli ambiti comunali:
per Tonino perseguire gli interessi della propria comunità significa, oggi più che mai, perseguire gli interessi di un territorio più ampio: scuola, ospedale, servizi ai cittadini, strade,  trasporti, spopolamento ecc.  sono tutte problematiche che devono essere affrontate guardando oltre il singolo comune,  che da solo non avrebbe  la forza per risolverlo, attraverso un approccio che coinvolga l’intero territorio. Soltanto se  si danno  al Meilogu una serie di servizi diffusi si può riuscire ad  innalzare la qualità della vita del proprio paese.
Nei prossimi decenni la rinascita di molte zone interne e, del Meilogu in particolare,  si giocherà su questi  obiettivi e solo amministratori lungimiranti e preparati come Tonino potranno ottenere  risultati che oggi appaiono tanto lontani!
Grazie  per il tuo contributo illuminato Tonino!"

Opinioni

Deiana, Anci: necessario seguire le indicazioni delle Autorità Locali.
"Le immagini che arrivano da Bitti sono particolarmente drammatiche e spaventose. Ci sono delle vittime: a loro va il nostro pensiero commosso e a tutta la comunità così colpita.  Al sindaco Giuseppe Ciccolini e alla sua amministrazione vanno garantiti i soccorsi adeguati in questa drammatica fase....

Ciusa M5S: cosa sta facendo la regione per un rientro a scuola in sicurezza?
“Il Governo, come dichiarato dal Presidente Conte, è già al lavoro per cercare di riaprire le scuole prima di Natale. Una notizia sicuramente positiva per tutti gli studenti e gli insegnanti che oggi stanno portando avanti i programmi attraverso la didattica a distanza”. “Ma il governo regionale della Sardegna, nel frattempo, quali azioni ha ...

La CGIL scrive al presidente Solinas e alla Giunta
La situazione di emergenza sociale e sanitaria della nostra regione è ormai arrivata a un livello di gravità tale da imporre un cambio immediato di atteggiamento da parte della Presidenza e dell’intera Giunta sulle misure e le politiche da mettere in campo per fronteggiarla e per far ripartire l’intero sistema regionale. La Cgil non può...

Peru, UDC Cambiamo: lasciare chiusi centri commerciali la domenica e i festivi
“Chiudiamo la grande distribuzione, supermercati compresi, la domenica e nei giorni festivi, almeno fino alla fine dell’emergenza sanitaria. È una proposta che servirebbe non solo a contenere e a limitare il numero di contagi ma anche ad aiutare gli esercizi commerciali dei centri urbani, oltre che venire incontro alle esigenze dei lavoratori...

L'aperitivo con Manuel: I divieti anti Covid in Sardegna
Con il recente decreto che ha suddiviso le regioni italiane in gialle, arancioni e rosse, sono stati introdotti numerosi divieti per limitare la diffusione della pandemia. Eccone alcuni con le norme specifiche adottate in Sardegna.  Sono vietati gli spostamenti tra comuni, a meno che non siano motivati dall...

Torino: Noi Sardi de su Disterru ai tempi del Covid
E' una lettera accorata, sentita e ricca di azione quella che Enzo Cugusi, presidente dell'associazione dei Sardi di Torino invia al tutti i presidenti dei circoli e associazioni di sardi nel mondo.  Un appello a raccontare la lontananza dalla loro terra, un appello che noi di Corriere Sardo sposiamo e pubblichiamo con affetto, per trasme...

L'aperitivo con Manuel: la Sardegna nel patrimonio UNESCO
A ottobre scorso è stata avviata la procedura per proporre all'UNESCO l'iscrizione della Sardegna nel patrimonio culturale dell'umanità. L'aspetto più rilevante a supporto della richiesta è costituito dai circa ottomila nuraghi ...

Caso discoteche: i Sardi non sono untori
Giorni neri quelli di quest’ultima settimana per la Sardegna e per i sardi. In piena crisi sanitaria, con gli ospedali che sono quasi al collasso per l’emergenza covid, il popolo sardo si trova a fare i conti, per la seconda volta con l’appellativo di “untori”.  Il tutto nasce da un’inchiesta fatta dal programma andato in...

L'aperitivo con Manuel: neologismi dalla Sardegna
Nei giorni scorsi ho molto apprezzato l'iniziativa #ciboperlamente dedicata alle curiose etimologie di alcune parole e neologismi che vengono consegnate a casa su cartoline illustrate. Vorrei dare un piccolo contributo ...

L'aperitivo con Manuel: Le conseguenze della chiusura dei bar in Sardegna
In aggiunta al ritorno dell’ora solare, anche le recenti limitazioni introdotte dal governo hanno generato sostanziali modifiche nel bioritmo dei frequentatori dei bar in Sardegna. Il decreto che anticipa la chiusura dei bar alle 18 ha di fatto inibito la movida, cioè la nobile arte spagnola del divertimento che prevede un costante movimento tra...